Rilevare tempestivamente il cancro ai polmoni

Ogni giorno in Svizzera più di dieci persone si ammalano di cancro del polmone – 3800 ogni anno. Quasi tutti muoiono: se oggi in Svizzera viene rilevato un cancro ai polmoni in un paziente, il paziente ha solo una probabilità del 15 % di guarire dalla sua malattia. Infatti il cancro del polmone viene oggi di solito diagnosticato in fase avanzata - troppo tardi per adottare misure efficaci. Il cancro del polmone è quindi il tumore a causa del quale muore la maggior parte di persone in Svizzera.

Non deve essere inevitabilmente così. Esiste un metodo scientificamente riconosciuto in grado di ridurre la mortalità del cancro del polmone in misura significativa: chi rientra in un gruppo a rischio come fumatore, ex-fumatore o non fumatore, può sottoporsi a una tomografia assiale computerizzata (TAC) a basso dosaggio per individuare un cancro del polmone. Con questa TAC è possibile individuare la maggior parte dei focolai di cancro del polmone in una fase molto precoce e quindi curabile. Non esiste oggi altro metodo per rilevare il cancro del polmone in modo attendibile, tempestivo e sistematico.

Per ridurre l'elevato di mortalità del cancro al polmone, la Fondazione per la diagnostica polmonare gestisce il Programma nazionale per la diagnosi precoce del cancro del polmone.

Con questo programma la Fondazione per la diagnostica polmonare offre alle persone che rientrano in un gruppo a rischio la possibilità di sottoporsi a una tomografia assiale computerizzata (TAC) a basso dosaggio in modo facile, rapido ed economico. In questo modo si stabilisce il più presto possibile – in una fase che consente ancora il successo del trattamento – se sono affette da cancro del polmone. Ricevono quindi una raccomandazione per il trattamento.

Se pensate di appartenere ad un gruppo a rischio, potete registrarvi qui. Saremo lieti di rispondere anche a tutte le domande sul programma per la diagnosi precoce del cancro del polmone.

Appartiene a un gruppo a rischio?
Quale fumatore, ex fumatore o non fumatore che non ha mai fumato, apparterrà al gruppo a rischio se risponderà affermativamente a una o più delle seguenti domande:

Domanda 1: Ha 50 anni o più e ha fumato per 20 anni/pacchetto o più (p.e. ha fumato per 20 anni un pacchetto al giorno o per 10 anni due pacchetti al giorno ecc.)?

Domanda 2: Ha sofferto di un cancro ai polmoni considerato guarito?

Domanda 3: Ha 50 anni o più e ha o ha avuto un cancro al naso o alla cavità orale?

Domanda 4: Ha 50 anni o più ed è o è stato esposto a sostanze cancerogene, come per esempio regolare esposizione quotidiana per più ore a fumo passivo, amianto, radon, particelle di particolato o fumi di gasolio?

Domanda 5: Ha 50 anni o più e ha o aveva due o più parenti di primo grado (genitori o figli o fratelli) che hanno sofferto di cancro ai polmoni?

Se ha risposto affermativamente a una o più delle domande suddette, le raccomandiamo una visita.

 

Telefono 044 384 84 84
Lunedi à venerdi, 1000–1600 h.

 

Studi:
«Reduced Lung-Cancer Mortality with Low-Dose Computed Tomographic Screening», publicato in «The New England Journal of Medicine», 4. agosto 2011, Vol. 365, Nr. 5

«Survival of Patients with Stage I Lung Cancer Detected on CT Screening», publicato in «The New England Journal of Medicine», 26. ottobre 2006, Vol. 355, Nr. 17